Parità di genere: finanziato il progetto della Provincia “Io sono Io”

Parità Genere. Presentazione del progetto Io sono Io

Sensibilizzare sulla parità di genere e sul contrasto alla violenza di genere nel contesto
scolastico del territorio provinciale e promuovere la partecipazione egualitaria alla vita sociale incentivando lo studio delle materie S.T.E.M tra le studentesse universitarie residenti nella nostra provincia.

Sono questi gli obiettivi di “Io sono Io”, il progetto presentato dalla Provincia di Massa-Carrara che si è visto assegnare da parte della Regione Toscana la somma di circa 60 mila euro all’interno del rifinanziamento da 800 mila euro operato dalla stessa Regione sulla legge 16 del 2009 sulla “Cittadinanza di genere”.

L’iniziativa è stata presentata nel Palazzo Ducale di Massa dal Presidente della Provincia, Gianni Lorenzetti, dall’assessora regionale alle politiche di genere, Alessandra Nardini, dalla vice presidente della Provincia delegata alle pari opportunità, Elisabetta Sordi e dalla Consigliera di Parità provinciale Diana Tazzini e dalla deleata nella commissione pari opportunità regionale, Mirella Cocchi.

Sono due le azioni programmate. La prima riguarda lo sviluppo di un percorso di diffusione della cultura di  genere e della destrutturazione dello stereotipo di genere nelle scuole secondarie di secondo grado della Provincia. È prevista la realizzazione di un laboratorio teatrale per ogni sede scolastica della Provincia: saranno curati dalla Fondazione Toscana Spettacolo e coinvolgeranno una classe prima scelta da ogni istituto per ogni sede per un totale di 25 sedi. Sono previsti, con personale qualificato, due laboratori teatrali e un terzo laboratorio di restituzione che riguarderà tutti gli studenti della sede dell’istituto.

Per valutare l’impatto dell’azione verranno infine  somministrati agli studenti partecipanti prima e dopo il laboratorio dei questionari sulle tematiche della parità di genere

La seconda azione prevede il sostegno alla promozione delle materie STEM, l’acronimo inglese che indica Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica e  che riguarda l’erogazione di 10 borse di studio da 1000 euro ciascuna.

Entro il 30 novembre verrà pubblicato l’avviso che fissa i termini per l’assegnazione. L’accesso sarà riservato alle studentesse residenti nella Provincia di Massa-Carrara iscritte al primo anno universitario in facoltà STEM, secondo la definizione del Ministero. Saranno escluse le candidate che per il primo anno percepiscono benefici erogati dal DSU, il Diritto allo studio universitario.

I criteri di selezione riguarderanno le fasce di reddito ISEE, la media ponderata e il numero di esami sostenuti. Una commissione interna della Provincia valuterà le domande.

Il monitoraggio e la gestione del progetto saranno affidati ad un gruppo di dipendenti della Provincia e al Direttore di Progetto, individuato nella figura della Consigliera di Parità.

Pubblicato: 21 ottobre 2022
torna all'inizio del contenuto