“Nutrile gli inizi”: al Nuovo Ospedale delle Apuane 1500 sacchetti di benvenuto per favorire la lettura ad alta voce fin dalla nascita

Sono 1500  i “Sacchetti di Benvenuto” che sono stati donati al Nuovo ospedale delle Apuane di Massa grazie al progetto Nutrire gli inizi, buone pratiche per una sana cultura dell’infanzia”, finanziato dal Ceppel tramite il bando Leggimi 0-6 e realizzato dall’Istituto Valorizzazione Castelli, soggetto coordinatore della Rete Provinciale delle Biblioteche Massa-Carrara, in collaborazione con l’associazione culturale La Noce a Tre Canti.

All’interno del sacchetto che sarà regalato d’ora in poi alle neo mamme e alle nuove nascite, c’è un libro, “Guarda che faccia” edito da Giunti, e realizzato su iniziativa di alcuni pediatri e bibliotecari all’interno progetto Nati per leggere. Oltre al libro ci sarà anche una cartolina per il ritiro della tessera della biblioteca del comune di appartenenza.

Questo dono è stato ideato con l’intento di favorire la lettura ad alta voce dei genitori fin dai primi mesi di vita di bambine e bambini e al contempo sviluppare un legame con le biblioteche del territorio che apriranno nei prossimi mesi degli spazi lettura dedicati proprio alla fascia 0-6.

“Un progetto importante per la nostra Provincia, ha dichiaratio il Presidente della Provincia, Gianni Lorenzetti,che sottolinea il valore del libro e della lettura come strumento formativo per le nuove generazioni e che dimostra quanto l’operare in ambito culturale significhi lavorare su più fronti proponendo sfide nuove, costituendo nuove reti e coinvolgendo soggetti sempre diversi”.

Nonostante le mille complicazione e i rallentamenti causati dalla pandemia, il progetto prosegue adesso a ritmo serrato e questa donazione aggiunge un nuovo, importantissimo tassello al ricco puzzle di interventi previsti, grazie anche alla collaborazione del direttore sanitario dell’ospedale Giuliano Biselli, del primario di Ostetricia, Roberto Marrai, e della responsabile delle ostetriche per l’ambito di Massa e Carrara, Elisa Bruschi, nonché grazie al supporto di tutto il personale amministrativo dell’Azienda USL Toscana nord ovest,.
“Un grazie sentito a nome dell’ospedale Apuane e della direzione dell’Azienda USL Toscana nord ovest – commenta Giuliano Biselli – va all’Istituto Valorizzazione Castelli e in particolare al suo Presidente, Corrado Lattanzi, per questa bella iniziativa culturale rivolta ai neonati e alle loro mamme, un progetto innovativo che abbiamo apprezzato moltissimo perché legato ai benefici della lettura”.

“Nutrire gli inizi buone pratiche per una sana cultura dell’infanzia”è un progetto ampio che, promuovendo in modo capillare i libri e l’importanza della lettura fin da piccoli, mira alla costruzione di una rete di sinergie di molteplici realtà istituzionali del territorio provinciale (scuole, biblioteche, Usl etc.), accomunate dall’obiettivo di accrescere, attraverso la lettura ad alta voce, lo sviluppo affettivo, cognitivo e culturale dei bambini.

La finalità è quella di pianificare e mantenere, attraverso la condivisione di dinamiche e contenuti progettuali, interventi capillari di promozione della lettura a sostegno delle famiglie e dei minori sotto i 6 anni, specie di coloro che vivono in situazioni di disagio sociale e di povertà educativa.

Nel progetto sono stati 17 i comuni coinvolti e 10 saranno i nuovi punti lettura 0-6 creati, con spazi appositi e oltre 3000 nuovi libri per bambini a disposizione nelle biblioteche e nelle strutture sanitarie del territorio .

Il Presidente dell’Istituto Valorizzazione Castelli, Corrado Lattanzi, ha espresso la sua soddisfazione rispetto al progetto e alla collaborazione con l’USL Toscana nord ovest: “Un passo fondamentale nello sviluppo del progetto e per il prosieguo delle attività che vedranno a breve anche la realizzazione di un corso di formazione sui benefici della lettura dedicato al personale ostetrico”

Pubblicato: 04 marzo 2021