Meteo: non se ne sa mai abbastanza

Continuiamo il viaggio con la nostra rubrica di meteorologia grazie alla disponibilità di Meteoapuane  e di Paolo Lunini.

L’estate è finalmente arrivata. Per il suo avvio dobbiamo ancora una volta ringraziare l’Alta Pressione, quella struttura atmosferica che estendendosi sul Mediterraneo ci regala il clima soleggiato e caldo a cui siamo abituati in questa stagione.

Tuttavia non tutti gli anticicloni (altro termine meteorologico per descrivere le zone di Alta Pressione) sono uguali: quello ben noto delle Azzorre ed il temuto Nord-africano sono i due prevalenti alle nostre latitudini. Quest’ultimo, di cui abbiamo avuto un assaggio settimana scorsa, altro non è che un promontorio mobile che si estende dal Nord Africa richiamando aria molto calda dal deserto sottoforma di venti di Scirocco; proprio per la sua “mobilità” le ondate di calore ad esso associate sono sì intense ed afose ma generalmente di breve durata (le cosiddette “fiammate” di caldo africano), interrotte da passaggi temporaleschi talvolta intensi.

Il meteo della settimana corrente, almeno sino a Domenica 3 luglio, sarà invece contraddistinto dall’Anticiclone delle Azzorre, un’ampia struttura che si estende da Ovest verso Est abbracciando gran parte d’Europa; deve il suo nome al piccolo arcipelago in pieno Atlantico nei pressi del quale si origina. Si tratta di un’Alta Pressione portatrice di stabilità duratura e caldo moderato, senza eccessi: la tipica e gradevole estate italiana.

Pubblicato: 28 giugno 2016