Festival del libro a Montereggio

 

Nel Piano Nobile di Palazzo Ducale, il Presidente della Provincia di Massa Carrara, Gianni Lorenzetti, e il Vicepresidente della Provincia e Sindaco del Comune di Mulazzo, Claudio Novoa, hanno presentato la 17° edizione del Festival del Libro di Montereggio, una kermesse che ogni anno ospita numerosi scrittori italiani.

Nel corso della presentazione il Sindaco Novoa ne ha sottolineato il carattere e lo spirito:

“La XVII edizione di Montereggio Libri è un omaggio alla Lunigiana, alla sua creatività e ai suoi luoghi. Quest’anno sul palco del Festival del Libro sono presenti gli autori della nostra terra, per dare voce a questi luoghi magici, per mantenerne viva la memoria e la cultura. Inoltre, il 2021 sarà l’anno delle celebrazioni dantesche: Dante soggiornò a lungo nelle nostre terre, nella Divina Commedia ne parla più volte.  Quindi una terra di poeti e scrittori, e Montereggio Libri ne è testimonianza”.

 

Numerosi gli appuntamenti ed eventi che ogni giorno animeranno Montereggio nel corso della settimana: gli autori della Lunigiana presenteranno i loro libri in una cornice ricca di cultura, un minuscolo borgo con una storia unica e affascinante. Qui infatti sono nate, nell’800, i primi ambulanti di libri e, proprio per questo, Montereggio è l’unico Paese italiano inserito nel network delle “Book Town” mondiali.

 

“È un fatto positivo che, nonostante quanto accaduto nel nostro paese, si riesca a realizzare il Festival del libro di Montereggio, che si appresta con questa edizione a varcare la soglia della maggiore età – dichiara il presidente della Provincia di Massa-Carrara, Gianni Lorenzetti. Mettendo insieme il libro, che per molti, o per una scelta antica o per una riscoperta felice, è stato un utile compagno di evasione nella fase più acuta della pandemia,  e l’affascinante storia dei librai che da qui sono partiti per cercare fortuna, Montereggio Libri si è saputo ritagliare una ribalta del tutto originale nel panorama di manifestazioni di questo ambito, valorizzando un piccolo borgo e un ambiente come la Lunigiana che proprio in questa edizione troverà un omaggio a se stessa con la presenza significativa dei propri autori”

 

Il Festival del Libro di Montereggio, si svolgerà dal 22 al 30 agosto 2020 tra Piazza Rizzoli, Piazza Arnaldo Mondadori e la chiesa sconsacrata di Sant’Apollinare dove saranno presenti numerose bancarelle con ogni tipologia e genere di libro: dai più rari e antichi fino ai più curiosi e contemporanei.

Gli autori incontreranno il pubblico nella piazza centrale del Borgo per rispettare le norme di sicurezza e il distanziamento sociale.

Montereggio è l’unico Paese dei libri in Italia, un minuscolo borgo, aggrappato ai monti della Lunigiana, con una storia unica e affascinante: da qui nell’800 i librai ambulanti partirono con in spalla una cesta piena di libri per raggiungere le città del Centro e Nord Italia.

Il curioso racconto dei librai ambulanti di Montereggio ha avuto inizio con i libretti sull’Unità d’Italia che le Associazioni Carbonare regalavano ai viandanti: questi volumi venivano poi diffusi dai librai di Montereggio.

È così che il commercio dei libri prende piede: gli ambulanti abbandonano le ceste e iniziano a spostarsi con carretti pieni di libri nelle vie e nelle piazze delle città italiane. I carretti si trasformano, quindi, in bancarelle.

Una storia unica, fatta di fatica e passione per la cultura editoriale, che vive e rivive ancora oggi,  grazie al Premio Bancarella (nato qui nel 1952), e alla Festa del Libro di Montereggio, a cui partecipano ogni anno alcuni tra i più importanti autori italiani.

 

Pubblicato: 31 luglio 2020