Covid-19: le misure in vigore dal 18 maggio 2020

Sulla base del decreto legge 33 del 16 maggio, del  Dpcm 17 maggio e dell’ordinanza del Presidente della Regione Tosca n° 57 del 17 maggio sono entrate in vigore da lunedì 18 maggio le nuove misure urgenti per affrontare l’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Tra queste, rimandando al testo completo per approfondimenti e ulteriori precisazioni:

  • Libera  circolazione  all’interno  del  territorio regionale
  • Fino al 2 giugno 2020 vietati gli spostamenti, con mezzi di trasporto pubblici e privati, in  una  regione  diversa  rispetto  a quella in cui attualmente ci  si  trova,  salvo  che  per  comprovate esigenze lavorative, di assoluta urgenza ovvero per motivi di salute; resta in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.
  • Spostamenti fra Regioni. L’ordinanza regionale prevede che “a decorrere dal 18 maggio, previa comunicazione congiunta da parte dei sindaci dei Comuni tra loro confinanti ai Prefetti competenti, è ammesso lo spostamento anche al di fuori della Regione Toscana, nei limiti del comune confinante, da parte di coloro che abitano in comuni collocati a confine tra Toscana e altre Regioni”
  • distanza interpersonale minima di almeno un metro, salvo che per lo svolgimento delle attività sportive; l’ordinanza della Regione Toscana raccomanda in presenza di più persone, di adottare un distanziamento interpersonale di almeno 1,80 metri;
  • obbligo della mascherina, in presenza di più persone, in spazi chiusi, pubblici e privati aperti al pubblico, oltre che nei mezzi di trasporto pubblico locale, nei servizi non di linea taxi e noleggio con conducente;
  • obbligo della mascherina, in spazi aperti, pubblici o aperti al pubblico, nel caso non sia possibile mantenere il distanziamento interpersonale
  • divieto di mobilità dalla propria abitazione o dimora alle  persone   sottoposte   alla   misura   della   quarantena   per provvedimento dell’autorità’ sanitaria in quanto  risultate  positive al virus  COVID-19
  • consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione, residenza in Toscana solo per coloro che hanno sul territorio regionale il proprio medico di medicina generale o il pediatra di famiglia; non è, pertanto, consentito il rientro in Toscana verso le seconde case utilizzate per vacanze;
  • È vietato l’assembramento di  persone  in  luoghi  pubblici  o aperti al pubblico
  • Le funzioni religiose con  la  partecipazione  di  persone  si svolgono nel rispetto dei protocolli sottoscritti dal Governo e dalle rispettive confessioni

Possono riaprire dal 18 maggio le seguenti attività:

  • Tutti gli esercizi commerciali
  •  Le attività di somministrazione di cibi e bevande, non più solo in modalità asporto
  •  Le strutture ricettive
  •  I servizi alla persona (parrucchieri, estetisti…)
  •  Le attività balneari
  •  I musei e le biblioteche
  •  Il commercio ambulante previa definizione da parte dei comuni delle necessarie regole relative agli accessi

Riapriranno invece il 25 maggio  palestre, piscine e impianti sportivi.

Per approfondimenti:

Decreto legge 33 del 16 maggio 2020

DPCM del 17 maggio 2020

Ordinanza n° 57 del Presidente della Regione Toscana

 

Pubblicato: 18 maggio 2020