torna alla versione originale del documento

Provincia di Massa-Carrara  24/05/2018

Insediata la consulta provinciale delle persone con disabilità

 

L’aggettivo giusto che voglio usare oggi è orgoglioso. Lo sono per aver raggiunto insieme a tutti voi questo primo importante risultato, con una risposta in termini di adesioni che è andata ben al di là delle nostre aspettative”: lo ha detto il presidente della Provincia di Massa-Carrara, Gianni Lorenzetti, nell’aprire i lavori di insediamento al Palazzo Ducale di Massa, della Consulta provinciale per le persone con disabilità. Ne fanno parte 35 membri: 3 di diritto, oltre al presidente un consigliere provinciale di maggioranza (Sabrina Bertelloni) e uno di minoranza (Giammarco Simi). Gli altri 32 sono stati designati da associazioni, sindacati, mondo della scuola, associazioni di categoria, che hanno risposto ampiamente all’avviso pubblico della amministrazione di Palazzo Ducale dopo che il consiglio provinciale aveva dato il via libera alla istituzione della consulta nel dicembre 2017.

Tra i primi adempimenti della consulta l’elezione degli organi di vertice: presidente è stato eletto Pierangelo Tozzi, vicepresidente Federico Agostini. L’organo esecutivo, è composto, oltre al presidente e al vice, da Paolo Bestazzoni, Shara Ginepri e Carla Peruta.

 

“La Provincia – ha detto il presidente -  vi offrirà aiuto e supporto nel vostro cammino intorno alle problematiche sulla disabilità nella interazione che sarà necessaria sia con il nostro ente  che con gli altri sul territorio. La consulta dovrà essere non solo un luogo di discussione ma sempre più un luogo del fare.

La Provincia – ha concluso Lorenzetti – si occupa soprattutto di viabilità, e quindi di mobilità, ed edilizia scolastica: due ambiti importanti per la disabilità sui quali sarà necessario un confronto soprattutto in questa fase che ci vedrà partecipare a breve a bandi ministeriali e della Regione Toscana per cercare di intercettare risorse  necessarie anche per risolvere le problematiche della disabilità e della mobilità”.

“La disabilità è un tema sociale e non familiare – ha detto nel suo intervento il neo presidente Tozzi – ed i problemi di quella situazione vanno condivisi con le famiglie. La disabilità non è una malattia e dobbiamo adoperarci perché i limiti non diventino ostacoli. Quello che andiamo chiedendo e sostenendo non sono favori ma diritti. Abbiamo noi tutti un obbligo come paese e come amministratori: essere bravi come lo sono stati i legislatori, ma la difficoltà è passare alla parte pratica. Abbiamo un obiettivo come consulta: aprire una strada con un metodo di lavoro che sarà molto partecipativo. La bussola che abbiamo sono i diritti che ci chiamano ad applicare quello che il nostro paese prevede a livello normativo”.

La consulta, come prevede il regolamento approvato dal consiglio provinciale, in particolare ha lo scopo di promuovere un rapporto permanente tra le istituzioni e gli enti presenti sul territorio e i portatori di interesse per migliorare la qualità della vita delle persone con disabilità ed è lo strumento di collegamento tra società civile organizzata e gli organi di governo della Provincia e degli altri enti che vorranno usufruirne.

Questo organismo si propone di esprimere pareri, quando richiesti, su proposte o interventi progettuali della Amministrazione Provinciale e dei comuni che vorranno avvalersene, sulle politiche ed interventi rivolti a persona con disabilità.

Tra le altre finalità c’è quella di sensibilizzare l’opinione pubblica e le istituzioni sulle tematiche della solidarietà e della disabilità; coordinare, nel rispetto delle autonomie associative, le problematiche che associazioni o gruppi vorranno presentare alla Provincia o agli altri enti; formulare proposte e iniziative sulle tematiche della disabilità, migliorare la comunicazione e l’informazione, fornire pareri, sia su richiesta che in via autonoma agli organi della Provincia. In particolare il parere è necessario per tutti gli atti di programmazione a favore delle persone con disabilità  e sui progetti di competenza della Provincia.

Il supporto alla consulta è garantito attraverso un ufficio composto da personale della amministrazione provinciale



Ulteriori informazioni:
Data marted́ 27 marzo 2018
Fonte Ufficio Stampa Provincia di Massa-Carrara
uffstampa@provincia.ms.it




data di modifica: 27/03/2018