Versione Accessibile
Versione Accessibile
indice di questa sezione:
Comunicati stampa


Dati Utili
Segreteria del Presidente
Tel. 0585/816516-514
Fax 0585/816505
E-Mail: l.gargioli@provincia.ms.it
  ti trovi in: Amministrazione Provinciale > Il Presidente > Comunicati stampa

Scuole: il presidente Buffoni chiede di organizzare la didattica su cinque giorni
Impossibile provvedere alla totale copertura delle spese come nel passato. Il prelievo forzoso dello Stato dalle casse della provincia obbliga a rivedere le spese per gli istituti superiori

Lo aveva detto a più riprese, e da ultimo in un incontro alla fine di luglio, il presidente della Provincia, Narciso Buffoni: sarà impossibile per l’amministrazione provinciale provvedere come nel passato alla totale copertura delle spese legate ai servizi relativi alla gestione degli edifici scolastici provinciali per l’anno 2015 e 2016.

 

Se non si può spendere occorre risparmiare: per questo da palazzo ducale è partita la lettera ufficiale con la quale il presidente chiede ai presidi e alla dirigente dell’ufficio scolastico territoriale, di disporre l’articolazione dell’orario didattico 2015-2016 su cinque giorni lavorativi (dal lunedì al venerdì), consentendo, quindi, una chiusura degli edifici e delle attività nella giornata di sabato, grazie alla quale ci potranno essere  sicuri risparmi per le utenze in carico, diretto od indiretto, all’Amministrazione Provinciale.

Un’impossibilità, come ricorda Buffoni, che interessa comunque tutte le amministrazioni provinciali di’Italia e deriva dalla impossibilità, allo stato attuale, di poter definire un corretto bilancio di previsione pluriennale 2015-2016-2017 per l’amministrazione che potrà farlo ma solo per il 2015

 

La colpa è nota tutti e deriva dagli assurdi prelievi forzosi imposti da più provvedimenti legislativi ai bilanci provinciali; prelievi dalle casse della provincia che, in sostanza, sottraggono soldi al territorio eannullano progressivamente e praticamente le entrate tributarie delle province negli anni 2015, 2016 e 2017.

 

“Questo stato di fatto, precisa Buffoni nella lettera, è assolutamente indipendente dalla volontà e dalla possibilità della nostra amministrazione e la cui responsabilità, conseguentemente, non può che ricadere sul livello governativo centrale (che dimostra sul tema un totale senso di irresponsabilità ed una visione assolutamente distorta della finanza locale e dei servizi minimi necessari per tutti i territori nazionali). Ci impone, quindi, ed ad esempio, di non poter eseguire alcune minime attività di manutenzione ordinaria degli oltre 670 Km di strade provinciali, se non con personale e mezzi propri dell’amministrazione (e fino a quando questa Amministrazione potrà, naturalmente,sostenere i costi di carburante) e di dover sostenere costi più contenuti per la gestione dei consumi di tutti gli edifici provinciali, tra cui, naturalmente, i già summenzionati edifici scolastici.

Conoscendo le diverse realtà didattiche, conclude il presidente,  sappiamo che quanto sopra indicato potrebbe risultare una scelta non sempre facile e, senza dubbio, da contemperare con un sistema di gestione dei servizi di mobilità (da e verso i singoli Istituti) che dovrà tener conto di diverse turnazioni pomeridiane (qualora le stesse non risultassero già presenti) ed, a questo  proposito, sarà nostra cura disporre, già dalla prossima settimana, una serie di incontri di confronto con il nostro servizio TPL (Trasporto Pubblico Locale) e l’azienda che attualmente gestisce il servizio di Trasporto su base provinciale, al fine di organizzare al meglio tale soluzione”

 
Ulteriori informazioni:
Data venerd́ 7 agosto 2015

data di creazione: 07/08/2015
data di modifica: 07/08/2015
segnala a un amico
versione stampabile
web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^