Versione Accessibile
Versione Accessibile
indice di questa sezione:
Comunicati stampa


Dati Utili
Segreteria del Presidente
Tel. 0585/816516-514
Fax 0585/816505
E-Mail: l.gargioli@provincia.ms.it
  ti trovi in: Amministrazione Provinciale > Il Presidente > Comunicati stampa

Provincia: approvato il bilancio di previsione 2014
Tagli alla spesa fissa per 759 mila euro. Opere pubbliche per oltre 16 milioni e mezzo. Piano di alienazione per oltre 9 milioni e mezzo.

Sfidare le leggi dell’equilibrio o cercare la quadratura del cerchio: scegliete voi la “figura” che preferite ma in tempi di tagli alla spesa per chiudere un bilancio di previsione di un ente pubblico occorrono sempre più competenze da “Barnum” piuttosto che ragionieristiche. Nasce sotto questa stella anche il bilancio 2014 della Provincia di Massa-Carrara approvato dal Commissario straordinario con i poteri del Consiglio Provinciale.

In cifra assoluta è un conto da circa 54 milioni e mezzo, di cui oltre 6 incassati e spesi per conto terzi (tecnicamente si chiama partita di giro).

Entrate. Anche in questo esercizio l’ente di Palazzo Ducale è chiamato a reggersi sempre più sulle proprie gambe. Fino ad un paio di bilanci fa i diversi trasferimenti statali, confluiti poi in un unico fondo di riequilibrio, ammontavano a circa 4 milioni e 400 mila euro: per il secondo bilancio consecutivo questo fondo è stato azzerato e su questo versante da Roma non arriva più un euro. Anzi è la Provincia a trasferire somme allo Stato: infatti sulla base di parametri determinati centralmente una  parte non indifferente delle entrate proprie della Provincia derivante dalla rca auto, per circa 451 mila euro, prende la strada della capitale per rimpinguare il bilancio dello Stato.

Sempre in tema di tagli si è assottigliata notevolmente anche la cifra che la Regione trasferiva per la gestione delle funzioni delegate passando da 4 milioni e mezzo di qualche bilancio fa agli attuali 1 milione e mezzo.

La parte grossa delle entrate proprie è data dall’IPT, l’imposta di trascrizione  sulla compravendita dei veicoli (poco più di 4 milioni e mezzo), e la quota Rca, l’assicurazione obbligatoria sugli automezzi, poco più di 11 milioni. Non sono previste entrate per accensione di mutui, quindi nuovo indebitamento.

Spese. Nel 2014 la Provincia  taglia le proprie spese fisse di funzionamento per una cifra considerevole pari a 759 mila euro, continuando un’operazione in atto dal  2009.

Come è possibile? Lavorando anche di cesello: tra le altre cose si è agito sulle utenze con un risparmio di 119 mila euro; si è intervenuti sulla manutenzione passando ad un unico contratto  di global service su convenzione Consip, la società del ministero dell’economia che svolge attività di consulenza, assistenza e supporto in favore delle amministrazioni pubbliche nell’ambito degli acquisti di beni e servizi; infine si è ridotto sensibilmente il parco macchine.

La spesa disponibile, cioè la somma che si ricava dalla differenza tra le entrate libere e le spese fisse, sarà di circa  570 mila euro: ed è con questa cifra che si potrà far fronte alla manutenzione ordinaria delle strade e delle scuole.

Investimenti. È consistente il piano delle opere pubbliche per il triennio 2014-2016: prevede un investimento complessivo di 16 milioni e 587 mila euro, concentrato soprattutto nella prima annualità per circa 16 milioni e 137 mila euro. Solo una piccola parte di questa somma (450 mila euro) è legata al piano delle alienazioni: il resto è nelle disponibilità della Provincia, fatti salvi gli ovvi e conosciuti vincoli di bilancio e di spesa.

Tolti i 300 mila euro che si spenderanno per l’adeguamento del Centro congressi di Marina di Massa, il grosso dell’intervento, per circa 10 milioni di euro è destinato alla difesa del suolo e alla messa in sicurezza. Sulla viabilità provinciale saranno spesi 3 milioni  e 298 mila euro, mentre sulle scuole l’investimento complessivo sarà di 2 milioni e 792 mila euro.  Da precisare che l’intervento sulle scuole era già previsto ed è completamente al netto dell’iniziativa sul patrimonio edilizio scolastico lanciata dal governo Renzi.

Ma come è possibile, si dirà,  con un bilancio così risicato un piano degli investimenti di queste dimensioni? È presto detto: buona parte degli interventi sul dissesto e la difesa derivano dai vari fondi assegnati per le diverse alluvioni che hanno colpito il territorio. Per altri investimenti, invece, in maggioranza si tratta di una rideterminazione di precedenti mutui.

Piano delle alienazioni. Ammonta ad un totale di 9 milioni e 759 mila euro la somma che la Provincia potrà incassare se sarà realizzato complessivamente il piano di vendita del patrimonio mobiliare e immobiliare. Poco più di 5 milioni di euro potranno derivare dalla vendita di immobili, terreni e aree edificabili, mentre la parte restante, 4 milioni e 690 mila euro, potrà essere incassata dalla vendita delle azioni di Area spa (la gara unica è gestita dal Comune di Carrara).

La somma che sarà incassata sarà destinata quasi completamente all’abbattimento dell’ammortamento dei mutui ancora in corso, con benefici diretti, quindi sul prossimo bilancio.

 
Ulteriori informazioni:
Data marted́ 11 marzo 2014
Fonte Ufficio Stampa Provincia di Massa-Carrara
uffstampa@provincia.ms.it

data di creazione: 11/03/2014
data di modifica: 11/03/2014
segnala a un amico
versione stampabile
in questa pagina...

 Allegati

Bilancio di previsione 2014

Programma triennale lavori pubblici

Piano alienazioni

Relazione previsionale e programmatica


web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^