Versione Accessibile

il portale di servizi e informazioni della Provincia di Massa-Carrara

temi

Versione Accessibile
indice di questa sezione:
News
Comunicati stampa
Dalla Provincia
Dalla Regione
Dai comuni
A chi rivolgersi
Ordinanze
Viabilità
Mappa della viabilità
Trasporti
Mappa delle strade provinciali
Procedimenti
Bandi

interessi in Trasporti e Viabilità
sono un cittadino vai »
sono un'azienda vai »

servizi on line
bandi vai »
delibere vai »
modulistica vai »

informazioni utili:

Centralino: 0585/816111

Dati Utili
Dirigente:
Ing. Stefano Michela
Tel. 0585/816409

Referenti
Vedi i singoli servizi

In redazione
Viabilità e lavori pubblici:
Renato Viscuso
Tel. 0585/816400
TPL:
Beatrice Gavarini
Te. 0585/816216
  ti trovi in: temi > Trasporti e Viabilità > News > Comunicati stampa

Due province unite per il traforo del Cerreto
Firmato a Collagna un protocollo di intesa dai presidenti Angeli e Masini
 
Lo scopo è quello di puntare al miglioramento funzionale della strada statale 63 e alla realizzazione della galleria di valico del Cerreto: questo è il senso di un protocollo di intesa firmato a Collagna tra i presidenti della Provincia di Massa-Carrara, Osvaldo Angeli, e di Reggio Emilia, Sonia Masini.
Con la sottoscrizione del documento le due province si impegnano a "predisporre con la massima tempestività le ipotesi progettuali di varianti funzionali finalizzate alla costruzione del traforo del Cerreto, sulle quali far convergere, anche in un arco di tempo pluriennale, le necessarie risorse economiche utili al tempestivo avvio delle opere, ormai indispensabili per le esigenze e per lo sviluppo delle proprie comunità".

Le due Province, coinvolgendo anche i parlamentari, intendono infatti sollecitare "Governo, Anas e Regioni affinché la Statale 63, attraverso varianti di valico del Cerreto che uniscano i territori di Collagna e di Fivizzano, venga adeguata strutturalmente in modo da costituire effettivamente una connessione fra due importanti ambiti territoriali che possano in tal modo ulteriormente promuovere sinergie nei campi dell’economia e della valorizzazione territoriale".
 
Come ha illustrato la presidente della Provincia di Reggio, Sonia Masini, l'ipotesi di un Traforo del Cerreto - avanzata anche in passato - "è ora più concreta in quanto la frana che lo scorso dicembre ha distrutto la Statale 63 poco dopo Collagna, isolando per un paio di giorni le frazioni di Cerreto Alpi e Cerreto Laghi, ha evidenziato una forte instabilità del terreno che ora la Regione Emilia sta attentamente monitorando".
 
Difficilmente il vecchio tracciato della Ss 63 potrà essere ripristinato, pertanto una galleria di circa 1,5 chilometri , che superi il tratto della frana riattivatasi in dicembre, potrebbe rivelarsi la migliore se non l'unica soluzione.
“A questo punto- hanno dichiarato Angeli e Masini - potrebbe essere realizzata anche una seconda galleria di valico, con imboccatura a circa un chilometro dal termine della prima, che con una lunghezza di 4,7 km raggiunga la località Sassalbo in comune di Fivizzano".
 
A rendere più praticabile, rispetto al passato, l'ipotesi Traforo, contribuiscono oggi non solo i tanti interventi di miglioramento della viabilità da e per il Cerreto realizzati o in fase di progettazione tanto sul versante reggiano quanto su quello toscano, "ma anche – è stato sottolineato - la necessità che il Paese cerchi di accelerare la ripresa attraverso le opere pubbliche, sulle quali ci si aspetta da parte del Governo massicci investimenti".
Entrambi hanno poi sottolineato l'importanza dal punto di vista economico di un'opera in grado di unire il Tirreno e i suoi porti alla Pianura padana  ed alla Fermata reggiana dell'Alta velocità. "Fondamentali anche gli aspetti turistici, paesaggistici ed ambientali che legano due Province, peraltro oggi già unite dal Parco nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, capaci di forte attrazione internazionale per il loro patrimonio naturalistico, culturale ed enogastronomico - hanno aggiunto Masini ed Angeli".
Per quanto riguarda i costi presunti, per entrambe le gallerie si ipotizza una spesa di almeno 150 milioni di euro: si cercherà, a questo proposito di verificare anche l'eventuale interesse da parte di privati.
I tempi possono essere brevi, nell'ordine di cinque-sette anni: sempre in tempi brevi, è previsto un incontro con i parlamentari delle due province e con Anas, nonché l'incarico a due ingegneri e a due geologi perché inizino a progettare l'opera.
 
 
Ulteriori informazioni:
Data venerdì 6 febbraio 2009
Fonte Ufficio Stampa Provincia di Massa
uffstampa@provincia.ms.it

data di creazione: 06/02/2009
data di modifica: 20/03/2013
segnala a un amico
versione stampabile
in questa pagina...

 Immagini



(137Kb)

web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^