Versione Accessibile

il portale di servizi e informazioni della Provincia di Massa-Carrara

temi

Versione Accessibile
indice di questa sezione:
Dove siamo
News
Formazione professionale
Lavoro
Istruzione
Orientamento
Offerte di lavoro
Loghi istituzionali
Procedimenti
Bandi

interessi in Istruzione - Formazione - lavoro
sono un cittadino vai »
sono un'azienda vai »


informazioni utili:

Centralino: 0585/816111

Dati Utili
Dirigente Pubblica Istruzione - Rete Culturale - Politiche di Genere
Dr.ssa Claudia Bigi
Sede
Palazzo Ducale
Piazza Aranci 35 Massa

Segreteria

Dina Bertolini 0585/816277



Dirigente Formazione Professionale e Politiche del Lavoro
Dr.ssa Marina Babboni
Sede
Via delle Carre n° 55 54100 Massa
Fabbricato A, quarto piano

Segreteria

Fabio Coltelli;
Marella Marchi;
Manuela Vallarino

0585/816674-654


  ti trovi in: temi > Istruzione - Formazione - lavoro > Apprendistato

Apprendistato

ll contratto di apprendistato è disciplinato dal Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 167Testo unico dell’apprendistato” il quale definisce l’apprendistato un “contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani".

 NOTA BENE:La legge n. 92 del 28 giugno 2012 (vedi art.1 co.16-17-18-19) ha apportato modificato al Decreto Legislativo 14 settembre 2011 n. 167

Le modifiche entreranno in vigore il 18/07/2012.

 E’ compito delle Regioni regolamentare i profili formativi ed approvare le disposizioni attuative del Testo Unico dell’apprendistato.

 La Regione Toscana ha emanato il DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 18 giugno 2012, n. 28/R Modifiche al regolamento emanato con decreto del Presidente della Giunta regionale 8 agosto 2003, n. 47/R (Regolamento di esecuzione della legge regionale 26 luglio 2002, n. 32 Testo unico della normativa della Regione Toscana in materia di educazione, istruzione, orientamento, formazione professionale e lavoro) in materia di apprendistato.

Apprendistato per la qualifica e per il diploma professionale

Destinatari Soggetti dai 15 anni e fino al 25° anno di età in tutti i settori di attività 

 Finalità Conseguimento di una qualifica o diploma professionale; consente l’assolvimento dell’obbligo di istruzione

 Durata: non può superare i tre anni, quattro nel caso di diploma quadriennale regionale.

 Profili formativi  regolamentazione rimessa alle Regioni, previa intesa in conferenza stato – regioni e sentite le parti sociali.

 Da definire entro 60 gg dall’entrata in vigore del decreto del presidente della giunta regionale 18 GIUGNO 2012, n.28/R, l’attività di formazione interna ed esterna all’azienda è strutturata per un totale di seicento ore annue per il numero degli anni di durata del periodo formativo previsto dal contratto di apprendistato, in osservanza degli standard generali stabiliti con deliberazione della Giunta regionale.

Apprendistato professionalizzante o contratto di mestiere

 Destinatari Soggetti dai 18 (17 anni se in possesso di qualifica professionale) ai 29 anni di età. In tutti i settori pubblici o privati.

 Finalità conseguimento di una qualifica professionale ai fini contrattuali.

 Durata: per la componente formativa non può superare i tre anni o cinque anni per le figure professionali dell’artigianato o equipollenti.

 Profili formativi: La formazione professionalizzante o di mestiere deve essere svolta sotto la responsabilità dell’azienda è integrata dall’offerta pubblica finalizzata alla acquisizione di competenze di base e trasversali per un monte ore complessivo non superiore a 120 ore per la durata del triennio.

 Stagionali: I contratti collettivi possono prevedere lo svolgimento dell’apprendistato in più stagioni attraverso più rapporti a tempo determinato.

 L’apprendistato professionalizzante (o “contratto di mestiere”), è applicabile nei settori economici regolati dai nuovi CCNL o dai nuovi Accordi Inteconfederali, che in base al Testo Unico hanno il compito di stabilire la durata e le modalità di erogazione della formazione; alle Regioni spetta soltanto il compito di disciplinare l’offerta formativa pubblica che deve integrare quella erogata dalle aziende.

Apprendistato di alta formazione e ricerca

 Destinatari Soggetti dai 18 (17 anni se in possesso di qualifica professionale) ai 29 anni di età. In tutti i settori pubblici o privati.

 Finalità Conseguimento, in percorsi di alternanza scuola – lavoro, di un diploma di istruzione secondaria superiore, titoli di studio universitari e della alta formazione, compresi i dottorati di ricerca, specializzazione tecnica superiore, praticantato per l’accesso a professioni ordinistiche.

 Durata:è stabilita dalle regioni d’intesa con le parti sociali e le istituzioni formative.

Profili formativi La regolamentazione è delegata alle regioni che la elaborano in accordo con le parti sociali e le istituzioni formative; in assenza di intervento regionale la regolamentazione può essere affidata a convenzioni tra datori di lavoro, loro associazioni ed enti formativi.

Apprendistato per i lavoratori in mobilità

.Destinatari: indipendentemente dall’età, iscritti nelle liste di mobilità.

 Finalità: Qualificazione e riqualificazione professionale dei lavoratori in mobilità.

 Durata: La durata, in analogia con il contratto professionalizzante o di mestiere, sarà modulata dalla contrattazione collettiva nel rispetto del limite massimo legale (3 anni, 5 per il settore artigiano).

 Profili formativi In assenza di specifica previsione legislativa, si fa riferimento a quanto stabilito per l’apprendistato professionalizzante o di mestiere

Disciplina contratto di apprendistato
  • forma scritta del contratto, del patto di prova e del relativo piano formativo individuale da definire, entro trenta giorni dalla stipulazione del contratto;
  • divieto di retribuzione a cottimo;
  • retribuzione:possibilità di inquadrare il lavoratore fino a due livelli inferiori rispetto alla categoria spettante, in alternativa in misura percentuale della retribuzione e in modo graduale alla anzianita' di servizio;
  • possibilità del riconoscimento, sulla base dei risultati conseguiti all'interno del percorso di formazione, esterna e interna alla impresa, della qualifica professionale ai fini contrattuali e delle competenze acquisite ai fini del proseguimento degli studi nonché nei percorsi di istruzione degli adulti;
  • possibilità di prolungare il periodo di apprendistato in caso di malattia, infortunio o altra causa di sospensione involontaria del rapporto, superiore a trenta giorni, secondo quanto previsto dai contratti collettivi;
  •  divieto per le parti di recedere dal contratto durante il periodo di formazione in assenza di una giusta causa o di un giustificato motivo. In caso di licenziamento privo di giustificazione trovano applicazione le sanzioni previste dalla normativa vigente;
  • possibilità per le parti di recedere dal contratto con preavviso decorrente dal termine del periodo di formazione ai sensi di quanto disposto dall'articolo 2118 del codice civile.
TUTELE

Per gli apprendisti l'applicazione delle norme sulla previdenza e assistenza sociale obbligatoria si estende alle seguenti forme:
a) assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;
b) assicurazione contro le malattie;
c) assicurazione contro l'invalidita' e vecchiaia;
d) maternità';
e) assegno familiare.

 

NORME ABOLITE

Legge 19 gennaio 1955  n.25
Art.li 21 e 22 della legge 28 febbraio 1987 n. 56
Art.16 della legge 24 giugno 1997 n.196
Art.li da 47 a 53 del decreto legislativo 10 settembre 2003 n.276

 
Ulteriori informazioni:
Sede territoriale Via delle Carre 55 - Massa
Telefono 0585/816708--Fax 0585/816697

data di creazione: 28/01/2011
data di modifica: 30/09/2016
segnala a un amico
versione stampabile
web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^