Versione Accessibile
Versione Accessibile
indice di questa sezione:
Dove siamo
News
Comunicati stampa
Dalla Provincia
Dalla Regione
Dal territorio
Mercato del Lavoro
Formazione professionale
Lavoro
Istruzione
Orientamento
Offerte di lavoro
Loghi istituzionali
Procedimenti
Bandi

interessi in Istruzione - Formazione - lavoro
sono un cittadino vai »
sono un'azienda vai »

servizi on line
bandi vai »
delibere vai »
modulistica vai »

informazioni utili:

Centralino: 0585/816111

Dati Utili
Dirigente Pubblica Istruzione - Rete Culturale - Politiche di Genere
Dr.ssa Claudia Bigi
Sede
Palazzo Ducale
Piazza Aranci 35 Massa

Segreteria

Dina Bertolini 0585/816277



Dirigente Formazione Professionale e Politiche del Lavoro
Dr.ssa Marina Babboni
Sede
Via delle Carre n° 55 54100 Massa
Fabbricato A, quarto piano

Segreteria

Fabio Coltelli;
Marella Marchi;
Manuela Vallarino

0585/816674-654


  ti trovi in: temi > Istruzione - Formazione - lavoro > News > Comunicati stampa

Presentato il rapporto provinciale 2010 sul mercato del lavoro
Calano l’occupazione (-0,6%) e la disoccupazione (-1,2%). Forte calo del differenziale tra disoccupazione maschile e femminile (6 punti in meno). Oltre il 28% la disoccupazione giovanile. Calano cassa integrazione (-2%) e mobilità (-24%). Saldo positivo tra avviamenti e cessazioni. Alto (+1,71) il tasso di crescita imprenditoriale

Incrociare i dati di più fonti per avere una fotografia reale il più possibile del mercato del lavoro dello scorso anno: è quello che fa il rapporto 2010 curato dalla Provincia di Massa-Carrara che riunisce ed analizza in un’unica pubblicazione i dati di stima (Istat) con quelli oggettivamente rilevati da Istituto studi e ricerche della Camera di commercio, dall’Inps, dalla Direzione provinciale del lavoro e dall’osservatorio provinciale sul mercato del lavoro.

“Guardiamo a questi dati con attenzione e prudenza: anche se ci raccontano di una timidissima ripresa del mercato del lavoro non cala certamente l’attenzione da parte delle istituzioni” ha dichiarato presentando il rapporto Raffaele Parrini, assessore alle politiche del lavoro della Provincia di Massa-Carrara.

“Questi dati ci possono  far dire che è completata la fase di emergenza dell’ultimo biennio e possiamo considerare chiusoli piano di protezione sociale. Occorre passare dalla fase dell’emergenza a quella dello sviluppo rafforzando gli interventi a favore delle aziende. È necessario – ha aggiunto Parrini – uno scatto di reni di tutto il territorio legato a politiche per lo sviluppo che permettano di offrire sostegno alle imprese in u quadro di incentivi complessivi che facilitino anche l’emersione dal lavoro irregolare e dal lavoro nero”.

Occupazione e disoccupazione

I dati ufficiali sono tutti legati all’elaborazione sulla base dei dati di stima forniti dall’Istat.

È calata di 3000 unità rispetto al 2009 la forza lavoro (89.000) per un tasso di attività (15-64 anni) pari al 66,6% (sotto la media regionale, 68, ma sopra quella nazionale, 62,2).

Diminuisce di 0,6 punti il tasso di occupazione (59,8%) soprattutto a discapito di quella femminile, cha cala di oltre 1 punto. Un tasso che comunque sopravanza la media nazionale di 3 punti (56,9) ma ne cede quasi 4 a quella regionale (63,8).

Cala di oltre 1 punto il tasso di disoccupazione, passando da 11,3 a 10,1: e questo è il frutto di una sensibile riduzione della disoccupazione femminile (da 15,7 a 11,1) rispetto a quella maschile (aumentata da 7,8 a 9,4), fatto che ha determinato un crollo di  oltre 6 punti nel differenziale tra disoccupazione femminile e maschile. Un tasso di disoccupazione che si mantiene al di sopra di quello regionale (6,1) e nazionale (8,4). Alto il tasso di disoccupazione giovanile (15-24 anni) con un valore di 28,42 (solo Livorno ha un valore superiore: 36,71).

Lavoro irregolare e lavoro nero

Sulla base dei dati oggettivi della Direzione Provinciale del lavoro su 1078 verifiche sono risultate irregolari 461 aziende: 1181 i lavoratori irregolari, di cui 313 in nero (26,5%, poco più di 1 su 4).

Gli ammortizzatori sociali

Sono diminuite del 2% le ore di cassa integrazione autorizzate (in totale 2 milioni 171 mila 718 ore): e questo è il risultato di un forte decremento della Cig ordinaria (-41%) e di uno sensibile della Cig straordinaria (-11%) a fronte di un incremento della Cig in deroga (+158%)

I dati del Centro per l’impiego

Gli iscritti

Al 31 dicembre gli iscritti al centro per l’impiego (dati a stock) erano 26286, 10.6% in più del 2009 (gli uomini crescono quasi il doppio delle donne): per i flussi, dopo il forte incremento del 2009 le iscrizioni sono calate di 8 punti (-13% maschi; - 4% femmine).

Il 37% degli iscritti ha meno di 35 anni, mentre oltre 1/3 (il 34%) ha più di 46 anni.

Il picco delle iscrizioni si è avuto, come sempre, dopo l’estate. Il profilo dell’iscritto 2010: ha in media 36 anni (ma le donne sono più giovani), ma 1 su 4 ha più di 46 anni. Il 23% degli iscritti è straniero, l’88% è disoccupato, il 12% inoccupato.

Sono calati, invece, del 24% i lavoratori iscritti alla mobilità (il 30% ha meno di 35 anni, il 33% ha più di 46 anni)

Avviamenti e cessazioni

È stato positivo il saldo tra gli avviamenti al lavoro (23.009) e le cessazioni (22.904): in percentuale sono calati sia i primi (-2,1%) sia le seconde (-1,6%): 3 su 4 avviati provengono dalla nostra provincia. Il profilo medio degli avviati al lavoro: ha un’età media di 37 anni: 1 su 4 ha avuto un contratto a tempo indeterminato, il 60% a tempo determinato ed è andato a occupare posti soprattutto nel settore alloggio e ristorazione (20%). Il 5,5% ha avuto un contratto a progetto o occasionale, il 7,7% ha un contratto di apprendistato.

Le cessazioni hanno riguardato per un 60% avviamenti del 2010 e per un 40% avviamenti precedenti: 3 su 4 riguardavano rapporti di lavoro della durata massima di 12 mesi. Il 19% riguardava rapporti con durata inferiore a 1 mese; il 13 % con durata  superiore a 3 anni: quasi la metà riguardavano rapporti che sono cessati entro i 3 mesi.

Lavoro giovanile

Sono stati 1356 i giovani sotto i 25 anni che si sono iscritti al Centro per l’impiego nel 2010: il 18% del totale. Gli avviamenti tra i giovani sono stati 3654 (il 15,9% del totale). Le assunzioni sono concentrate a ridosso del periodo estivo, con valori massimi a giugno e luglio. La forma privilegiata: tempo determinato (49%) e apprendistato (33,7%) e, per oltre 1/3  nei servizi di alloggio e ristorazione.

Le cessazioni tra i giovani sono state 3182, il 13,7% del totale: il picco, ovviamente, a settembre. Il 58% si riferisce a contratti molto brevi (0-3 mesi), percentuale che sale al 77% per l’intervallo 0-6 mesi.

Il rapporto prosegue poi con l’analisi dei dati  relativi ai servizi erogati dal Centro per l’impiego.                                                                                 

 
Ulteriori informazioni:
Data mercoledì 6 luglio 2011
Fonte Ufficio Stampa Provincia di Massa-Carrara
uffstampa@provincia.ms.it

data di creazione: 06/07/2011
data di modifica: 06/07/2011
segnala a un amico
versione stampabile
in questa pagina...

 Allegati

Rapporto mercato lavoro 2010


web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^