Versione Accessibile
Versione Accessibile
indice di questa sezione:
Dove siamo
News
Comunicati stampa
Dalla Provincia
Dalla Regione
Dal territorio
Mercato del Lavoro
Formazione professionale
Lavoro
Istruzione
Orientamento
Offerte di lavoro
Loghi istituzionali
Procedimenti
Bandi

interessi in Istruzione - Formazione - lavoro
sono un cittadino vai »
sono un'azienda vai »

servizi on line
bandi vai »
delibere vai »
modulistica vai »

informazioni utili:

Centralino: 0585/816111

Dati Utili
Dirigente Pubblica Istruzione - Rete Culturale - Politiche di Genere
Dr.ssa Claudia Bigi
Sede
Palazzo Ducale
Piazza Aranci 35 Massa

Segreteria

Dina Bertolini 0585/816277



Dirigente Formazione Professionale e Politiche del Lavoro
Dr.ssa Marina Babboni
Sede
Via delle Carre n° 55 54100 Massa
Fabbricato A, quarto piano

Segreteria

Fabio Coltelli;
Marella Marchi;
Manuela Vallarino

0585/816674-654


  ti trovi in: temi > Istruzione - Formazione - lavoro > News > Comunicati stampa

IRIDE: un progetto tra formazione e lavoro per il recupero dei detenuti e delle detenute
Firmato in Provincia il protocollo di intesa per la casa di reclusione di Massa, l’ufficio esecuzione penale esterna e l’Istituto penale per minorenni di Pontremoli


Si rinnova e si rafforza l’impegno della Provincia di Massa-Carrara per il recupero di individui detenuti: dopo quello portato avanti in questi anni con il precedente protocollo, firmato nel 2008, un nuovo documento, siglato nella sede del Centro per l’impiego di Massa, dà il via ad un nuovo progetto.

Si chiama Iride, acronimo che sta per interventi di recupero di individui detenuti e coinvolge il settore formazione professionale e politiche del lavoro della Provincia, la Casa di reclusione di Massa, l’ufficio esecuzione penale esterna di Massa e l’Istituto penale per minorenni di Pontremoli.

A firmare il protocollo sono stati l’assessore provinciale alle politiche formative e del lavoro, Raffaele Parrini, il provveditore regionale della Toscana dell’amministrazione penitenziaria, Maria Pia Giuffrida e il responsabile del centro per la giustizia minorile di Torino, Antonio Pappalardo, mentre i progetti sono stati sottoscritti anche dalla direttrice del carcere di Massa, Alessandra Beccaro, e dal direttore dell’istituto di Pontremoli, Fiorenzo Cerruto

 “Il progetto – ha dichiarato l’assessore provinciale, Raffaele Parrini -  prevede azioni finalizzate all’orientamento, formazione professionale e politiche attive del lavoro con lo scopo di facilitare l’inserimento o il reinserimento socio lavorativo delle persone in esecuzione di pena nelle due sedi, incentivando la disponibilità del mondo dell’imprenditoria e della cooperazione alla loro assunzione. Tutto questo senza dimenticare che con una azione di questo tipo diamo un contributo non indifferente alla promozione di una cultura dell’integrazione e a far sì che gli istituti non si riducano ad essere solo luoghi di espiazione della pena ma permettano di avviare percorsi di recupero”.

Garantire continuità di intervento in ambito socio-lavorativo, rafforzare il collegamento tra carcere e territorio, migliorare le opportunità di reinserimento sociale e lavorativo, incrementare le opportunità formative e di lavoro: sono queste alcune delle finalità del progetto.

Per concretizzarle la Provincia promuoverà percorsi formativi e metterà in atto misure di politiche attive del lavoro, sensibilizzerà le aziende del territorio a fornire opportunità di lavoro, anche indirette, individuerà percorsi individuali e fornirà un supporto tecnico e informativo per definire e attuare  gli interventi.

Dal punto di vista operativo il documento prevede la costituzione di un gruppo tecnico di lavoro per favorire la consultazione tra le parti che hanno sottoscritto il protocollo e per migliorare il coordinamento delle attività.

Tra le attività in cantiere da segnalare  proseguirà lo sportello informativo e di orientamento presso la casa di reclusione di Massa, attivato con il precedente protocollo, mentre partirà un nuovo sportello nell’istituto di Pontremoli.

Sul versante formativo sarà attivato a Pontremoli un “web learning point” per la formazione a distanza mentre su Massa è previsto un percorso formativo di sartoria, legato ad una attività lavorative già esistente all’interno della casa di reclusione e che proprio in questi giorni ripartirà a pieno regime con prodotti che, per adesso, risponderanno soprattutto alle esigenze di un mercato per così dire  “interno” al sistema carcerario italiano essendo in grado di far fronte alle forniture richieste dai vari istituti carcerari della penisola.

Su Pontremoli da segnalare anche il progetto “le rose di Pontremoli” (che è già un logo ed un marchio) nel quale le ragazze ospiti, che già hanno frequentato un circolo di studio sull’argomento, seguiranno la realizzazione di un vivaio di rose da finalizzato alla trasformazione in una serie di prodotti estraibili dai petali, come ad esempio essenze e profumi.

 
Ulteriori informazioni:
Data mercoledì 23 novembre 2011
Fonte Ufficio Stampa Provincia di Massa-Carrara
uffstampa@provincia.ms.it

data di creazione: 23/11/2011
data di modifica: 23/11/2011
segnala a un amico
versione stampabile
in questa pagina...

 Immagini



(61Kb)


(49Kb)


(48Kb)

 Allegati

Il progetto carcere 2008: dati

Le strutture di Massa e Pontremoli: dati


web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^