Versione Accessibile
Versione Accessibile
indice di questa sezione:
News
Progetto TAG
Politiche sociali
Osservatorio per le Politiche Sociali - OPS
 
Come funziona l'OPS
I progetti promossi dall’OPS
Progetto Rete e Cittadinanza
Pubblicazioni
Normativa
link utili
Donazione e trapianti
Politiche giovanili
Terzo Settore
Servizio Cooperazione Internazionale
Multicultura
Ge.Ne.Si
Pari Opportunità
Centro Donna
Procedimenti
Bandi

interessi in Sociale
sono un cittadino vai »
sono un'azienda vai »

servizi on line
bandi vai »
delibere vai »
modulistica vai »

informazioni utili:

Centralino: 0585/816111

Dati Utili
Dirigente
D.ssa Marina Babboni
Tel. 0585/816616
Sede
Via Cavour n° 17 - 54100 Massa
Referenti
Vedi i singoli servizi

In redazione
Manuela Giromella
Tel. 0585/816600

Dina Bertolini
Tel. 0585/816638
  ti trovi in: temi > Sociale > Politiche sociali > Osservatorio per le Politiche Sociali - OPS

Come funziona l'OPS
La struttura dell’Osservatorio per le Politiche Sociali
 
Il modello su cui è stato costruito l’Osservatorio per le politiche sociali della provincia di Massa-Carrara trova il suo fondamento metodologico e scientifico nella valida collaborazione istauratasi con il Dipartimento di Scienze  Politiche e Sociali dell’Università degli Studi di Pisa con cui, nel 2010, è stata stipulata una nuova convenzione.  
Tale modello ha fatto si che in questi anni l’OPS concentrasse la sua attività su alcuni nuclei tematici d’azione:
  
a) L’area base dati informativa statistica che consiste nell’armonizzazione e funzionalizzazione delle basi informative già presenti territorialmente, attraverso la collaborazione con i soggetti che producono statistiche ufficiali sul territorio per realizzare la possibilità di condivisione e socializzazione delle informazioni. Questa attività è alla base della produzione del Dossier Statistico n. 0, del Dossier Statistico n. 1, del Dossier Statistico n. 2 , del Dossier Statistico n.3 e del Dossier Statistico n.4
b)L’area servizi sociali che consiste nella proiezione conoscitiva dei Servizi Sociali presenti sul territorio, attraverso la  formazione degli operatori degli Enti all’utilizzo degli strumenti adeguati (schede di accesso ai servizi e programmi informatici) di cui sono stati dotati per consentire loro, man mano che attivano un servizio, di archiviare i dati e di aggiornarli automaticamente. Ciò ha portato all’elaborazione in stretto rapporto con il territorio delle schede GEOPS (schede geo referite dell’Osservatorio : Le schede sono 4 : la scheda di primo accesso, la scheda istruttoria, la scheda di erogazione, la scheda di aggiornamento, la scheda di dismissione, ecc.)
c) L’area funzionamenti societari che consiste nello studio sistematico dei funzionamenti della società e dei funzionamenti individuali nella loro interconnessione, realizzando un approccio alle problematiche secondo il loro ordine di priorità “oggettivo” raffrontato con il vissuto “soggettivo”  delle persone coinvolte. L’adozione di tale metodologia di ricerca può essere ammessa nelle diverse zone e con particolare riguardo a specifiche categorie della popolazione (anziani, giovani, handicappati).
d) L’area progettazione e valutazione che consiste nel supporto al territorio (comuni e segreteria tecnica) nella progettazione europea, nazionale e regionale e nella individuazione e messa a punto di adeguati strumenti (indicatori, rapporti) per la valutazione delle politiche sociali attuate.
e) L’area promozione e comunicazione, trasversale alle altre aree e che consiste in tutti quegli interventi/iniziative, volte alla diffusione delle informazioni e delle attività dell’Osservatorio Provinciale per le Politiche Sociali all’esterno (convegni, adesioni ad iniziative, partecipazioni a fiere e convegni di settore, realizzazione e aggiornamento del sito delle politiche sociali).

L’operato dell’Osservatorio si colloca su un duplice livello: uno regionale e l’altro locale.
Sul piano regionale è stato determinante il Protocollo d’Intesa siglato dalla Regione Toscana e dalle Province, che ha delineato una nuova organizzazione della rete degli Osservatori Provinciali. Perseguendo l’obiettivo di rinforzare il lavoro condiviso, è stato istituito un gruppo tecnico composto dai referenti di ogni Osservatorio e, per realizzare una programmazione comune, è stata prevista la predisposizione annuale di un Piano di lavoro concertato suddiviso in aree tematiche, mentre la funzione di coordinamento è stata affidata all’Osservatorio Sociale Regionale.
A livello locale prosegue la collaborazione avviata da diversi anni con gli enti pubblici operanti nell’area della programmazione socio-sanitaria In particolare, nel corso del 2011, la Conferenza dei Sindaci della Zona Socio-Sanitaria delle Apuane ha adottato un protocollo d’intesa che ha coinvolto l’Osservatorio nella realizzazione partecipata del Profilo di Salute, base essenziale sulla quale vengono adottate le politiche sociali e sanitarie integrate, ed è in fase di sottoscrizione l’accordo con la Società della Salute della Lunigiana. Questi importanti provvedimenti sono in linea con l’indirizzo stabilito dalla nuova normativa regionale, che assegna alla Provincia una posizione di primo piano in relazione al coordinamento delle politiche settoriali, rendendo fondamentale l’apporto dell’Osservatorio, che mette a disposizione basilari informazioni legate agli aspetti demografici, socio-economici e culturali del territorio.

 


data di creazione: 16/02/2005
data di modifica: 27/02/2014
segnala a un amico
versione stampabile
in questa pagina...

 Allegati


Piano di Lavoro Concertato 2011


web design Aicod
il Portale di Massa
portale massa carrara: un sito dell'Amministrazione Provinciale di Massa-Carrara
  Home / Nuovo / Amministrazione Provinciale / temi / interessi / atti e documenti / 
© Provincia di Massa Carrara - tutti i diritti riservati
disclaimer \ credits
^ Torna a inizio pagina ^